C.A.I. Sezione Biella


Vai ai contenuti

Gruppo Speleologico Biellese - La magia dell’uomo preistorico nella sua arte rupestre: La Grotta

Il Gruppo Speleologico Biellese del CAI di Biella organizza in autunno due proiezioni presso la Sala Convegni della Biverbanca di via Carso 15.primo appuntamento sarà mercoledì 29 ottobre alle ore 21
<La magia dell’uomo preistorico nella sua arte rupestre: La Grotta >“viaggio” speleologico che ci riporterà indietro nel tempo: fantastico “artista” del Paleolitico sino ai nostri giorni.
Tiziano Pascutto



La grotta Chauvet è uno dei più importanti siti preistorici europei del Paleolitico superiore, (particolare periodo caratterizzato da significativi mutamenti che interessano particolarmente il modo di vita, l’organizzazione sociale e la spiritualità dell’uomo primitivo).trova in Francia, presso Vallon-Pont-d'Arc, nell'Ardèche. La sua scoperta risale al 18 dicembre 1994 a opera dello speleologo Jean-Marie Chauvet. Nella grotta Chauvet sono presenti pitture, incisioni rupestri di diversi animali: rinoceronte, uro, leone, bisonte, gufo, mammut, iena, orso, megacero, renna, cavallo ed enormi felini. Le figure animali sono più di 420. Queste fantastiche opere dell’uomo primitivo sono databili di circa 32 mila anni fa, 15mila anni prima dei celebri dipinti della grotta di Lascauxi più importanti siti archeologici, le grotte della Francia e della Spagna detengono certamente un primato poiché custodiscono i più spettacolari capolavori delle pitture e delle incisioni rupestri dell’uomo primitivo. grotte più famose sono quelle spagnole di Altamira, che si trovano nei pressi di Santillana del Mar in Cantabria e quelle francesi di Lascaux e Chauvet, tutte incluse tra i Patrimoni dell’umanità dell’ UNESCO.videoconferenza, la cui finalità è prettamente di carattere divulgativo, esalterà la bellezza dell’arte parietale e l’importanza degli ambienti ipogei che sono, nella maggioranza dei casi, frutto delle scoperte di chi svolge attività speleologiche.


I rifugi alpini dalle origini ad oggi


I rigugi alpini dalle origni ad oggi

13 Settembre - 31 Ottobre 2014 - Santuario di Oropa


Convegno "Biella incontra i rifugi"

CONVEGNO "BIELLA INCONTRA I RIFUGI"

OROPA - 8 NOVEMBRE 2014 - SALA CONVEGNI

I rifugi e i bivacchi alpini sono un patrimonio non solo legato ai frequentatori della montagna che ne fruiscono ma, per i valori che incarnano (simbolici, storici, sociali, geografici ed edilizi), da considerarsi esteso a tutta la collettività.E' noto il contributo di Biella alla storia dell'alpinismo.

Come vive oggi la città il suo rapporto con le montagne che la circondano? sono le offerte turistiche e di conoscenza del sistema della montagna biellese?

Che cosa si attendono coloro che dall'esterno giungono nel nostro territorio per scoprirne le terre alte?convegno, aperto a tutti e organizzato dall'Associazione Cantieri d'alta quota col patrocinio di Comune di Biella, Santuario di Oropa, CAI sezione di Biella, Ordini degli Architetti e degli Ingegneri di Biella, proverà ad affrontare questi e altri temi, nel tentativo di riunire intorno a un tavolo i vari attori coinvolti nei sistemi di promozione, gestione e accoglienza. 'iniziativa accompagna la mostra itinerante "Rifugi alpini ieri e oggi - Un percorso storico tra architettura, cultura e ambiente", curata dall'associazione Cantieri d'alta quota e allestita presso la Galleria Sant'Eusebio del Santuario di Oropa dal 13 settembre al 9 novembre.


Programma


Bollettini Meteo

Visto l'alto numero di incidenti in motagna a causa di valanghe, il C.A.I. Sezione di Biella ricorda a tutti gli Amici della Montagna di verificare i bollettini meteo e valanghe prima di effettuare un'escursione.
Regione Piemonte:
Bollettini
Bolletini Valanghe

Regione Valle d'Aosta
Bollettino meteo
Bollettino neve piste da discesa
Bollettino Valanghe


Rifugio Rivetti
Funivie di Oropa

Torna ai contenuti | Torna al menu