Il Club alpino patrocina la Fondazione BIellezza. Vi chiediamo di rispondere a un sondaggio sull’identità territoriale

Carissime amiche e amici della montagna,

il 30 aprile è stata presentata la Fondazione BIellezza, costituita da tre soci fondatori, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Banca Patrimoni Sella & C. S.p.A. e Banca Sella S.p.A. ed il Gruppo Zegna, dai due soci sostenitori, il Maestro Michelangelo Pistoletto e la Fondazione Cittàdellarte e da una trentina di finanziatori biellesi e piemontesi, tutti accomunati da uno spirito di collaborazione attiva e costruttiva nei confronti del nostro territorio. Il suo scopo è ricercare, stimolare e contribuire a dar vita a progetti che permettano di raddoppiare, nell’arco dei prossimi anni, il numero di presenze di turisti in tutto il Biellese.

Una delle priorità che Fondazione BIellezza si è data è la definizione di qual è l’Identità del territorio in cui i suoi cittadini si riconoscono di più.

Quali sono le caratteristiche che fanno di tutto il Biellese un luogo unico, puro, inimitabile e attraente? Come si definisce la BIellezza?

La Fondazione ci invita, attraverso il sondaggio disponibile alla pagina https://www.fondazionebiellezza.it/, a partecipare alla definizione di tale identità. Scegliamo, tra quelle proposte, le parole – e le combinazioni di parole – che secondo noi descrivono meglio il nostro territorio e che sono più capaci di renderne le caratteristiche e le peculiarità.

Per aiutarci a scegliere, la Fondazione ci invita a pensare a cosa noi diremmo per raccontare il nostro territorio a un amico o a un conoscente che non ha mai visitato le nostre terre. Quali di queste potrebbero convincerlo che un’esperienza nel Biellese vale il viaggio?

Il Club alpino italiano, insieme al Fondo ambiente italiano, è patrocinatore dell’iniziativa. La Fondazione Bellezza ci ringrazia sin da ora per il contributo che possiamo dare.

La Fondazione BIellezza conta sul fatto che, al termine di questo esercizio, nascano il logo e lo slogan in cui tutti noi Biellesi saremo orgogliosi di riconoscerci.